Notizie

DOTE SCUOLA 2019/2020

DOTE SCUOLA 2019/2020

Regione Lombardia, con deliberazione n° X1/1177 del 28/01/2019, ha approvato la programmazione del sistema Dote scuola per il prossimo anno scolastico 2019/2020. Con detto provvedimento vengono confermate la componente BUONO SCUOLA, strumento di attuazione del principio di parità scolastica, e CONTRIBUTO PER L’ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO, DOTAZIONI TECNOLOGICHE E STRUMENTI PER LA DIDATTICA.


avviso
leggi tutto

Il Santa Marta… si popola anche di domenica!!!

Il Santa Marta… si popola anche di domenica!!!

Nel programma della visita pastorale dell’Arcivescovo s.e. mons. Mario Delpini nella Comunità Santa Maria delle Grazie del 31 marzo 2019 è stata prevista una sosta all’Istituto Santa Marta di Vighizzolo, dove l’arcivescovo ha fatto un saluto alle famiglie dei ragazzi dell’iniziazione cristiana. L’arcivescovo è stato accolto con tanta gioia e in un clima di festa. L’augurio che ha fatto ai presenti di saper vivere l’azzurro che c’è in ogni persona, quell’azzurro che apre alla speranza, alla gioia e all’amore per la vita sembrava proprio riflettersi nell’atmosfera del cortile del plesso scolastico sotto un cielo azzurro azzurro, privo di nuvole… “quel cielo di Lombardia”, che come dice il Manzoni, “così bello quand'è bello, così splendido, così in pace…”
Nel cortile della scuola, gremito anche da tanti genitori e alunni del Santa Marta, ha fatto eco al saluto e al messaggio dell’arcivescovo un semplice ringraziamento che le suore, fuori programma, hanno voluto rivolgere a Mons. Delpini:
Grazie, Eccellenza!
Glielo diciamo unite a Dio, per potenziare con questa semplice parola tutta la profonda gratitudine che si merita un Pastore, testimone e corrispondente del Cielo.
A nome di tutte noi, Suore di Santa Marta, esprimo la gioia di questo incontro, il desiderio vivo di camminare fedelmente nelle vie del Signore, alla luce della sua Parola e alla Scuola – Guida, dello Spirito Santo. Lo invochiamo senza sosta perché ci abiliti, con la sua presenza, a realizzare tutto il bene che il suo cuore di Padre desidera.
Ogni giorno, siamo pronte ad andare in onda, sintonizzate sugli spazi e i tempi della Divina Volontà, in questo apostolato dentro la scuola, per la crescita e l’Evangelizzazione di tutti: alunni, genitori, insegnanti, per formare cristiani convinti e testimoni.
Grazie ai Santi nostri intercessori, in particolare, al nostro Fondatore, il Beato Tommaso Reggio, Pastore degno di favori divini.
Essi accendono di luce fulgida il Crocifisso, per vincere le paure e trasfigurare la sofferenza, in beatitudine.
Grazie anche ai Ministri di Dio, i nostri degni Sacerdoti, per la preziosa opera apostolica in questa amata parrocchia. Essi orientano con la Parola, alimentano con il Pane di Vita, edificano il Regno di Dio, portano gioia, pace e salvezza. Ci ammaestrano ad elevare, sulle dissonanze della vita, il coro intonato della lode, della riconoscenza e dell’intercessione.
Grazie per la sua visita Eccellenza, per noi momento di festa che ci fa intonare un Magnificat tutto speciale. Grazie, per il tempo che ci sta donando!
leggi tutto

TERZE MEDIE SOTTO ATTACCO

TERZE MEDIE SOTTO ATTACCO

Sono settimane stressanti quelle che stanno vivendo i ragazzi di terza, in vista dell’esame di stato conclusivo del primo ciclo d’istruzione. Lunedì 25 Marzo e Venerdì 29 Marzo i 48 alunni hanno affrontato la cosiddetta “simulazione del colloquio orale”. In un'aula i professori e la preside disposti a ferro di cavallo, hanno sorteggiato 5 candidati della sezione A, 6 candidati della sezione B. Ognuno di loro è stato invitato, a partire da una materia a piacere ad esporre alcuni argomenti e a rispondere alle domanda degli insegnanti. La prova è stata proposta con l’intento di gestire l’ansia, di immaginare come sarà l’esame orale e di riflettere sulla preparazione e la qualità dello studio. L’esperienza, dicono i ragazzi di terza, è stata utile ma carica di una tensione altissima che comunque hanno sapute gestire nel migliore dei modi. L’ansia, la preoccupazione non possono ancora venire meno perché con lunedì 1 aprile, i 48 alunni saranno impegnati nelle prove invalsi: lunedì italiano, martedì matematica e mercoledì inglese. Gli alunni si sono preparati con esercizi e altrettante simulazioni, alcuni con esito positivo, altre ancora da migliorare. Le affronteranno, dicono loro, con serietà per dare una buona presentazione di se alla scuola superiore. Si sentono però meno ansiosi rispetto ai giorni che precedevano la simulazione del colloquio orale. Sicuramente in queste settimane hanno imparato a destreggiarsi tra le difficoltà e a sostenere le tensioni. In bocca al lupo a tutte le terze! leggi tutto

Nella liturgia cattolica la Quaresima è il periodo di preparazione alla Pasqua...come arrivare pronti?

Nella liturgia cattolica la Quaresima è il periodo di preparazione alla Pasqua...come arrivare pronti?

Possiamo seguire le storie metaforiche di Bruno Ferrero da cui si evincono messaggi di vita cristiana.
Tra le sue righe, il salesiano, spiega l'importanza di non cedere alle tentazioni, di non accontentarsi. Gesù' stesso nel deserto non si accontentò di quello che il Diavolo gli mostrava né delle sue ingannevoli parole; così anche noi non abbandoniamoci a ciò che i sensi ci mostrano ma guardiamo nella profondità della nostra anima per ricercare sempre la Parola di Dio.
Ferrero ci ricorda inoltre il valore dell'ascoltare, sé stessi e gli atri. Dio ci ha fatto dono di due orecchie ed una sola bocca : impariamo quindi ad usare l'apparato fonatorio non per sentire passivamente ma per ascoltare con attenzione tutte le forme di comunicazione presenti intorno a noi.
L'ultimo punto su cui intendiamo porre la nostra riflessione nasce da una storia che insegna il valore del dono gratuito, abbondante,bello che regala gioia al nostro cuore! Donare con assoluta spontaneità e liberalità , come un bambino dona un bacio a chi vuole bene, è un'arte che anche Giovanni riprende nel suo Vangelo quando racconta del dono dell'acqua viva che Gesù' promette alla Samaritana. Pensiamo un instante : nell'atto del dono è più gioioso l'animo del mittente.
Accontentarsi - prima storia.
Un falco era stato catturato da un contadino e viveva legato per una zampa nell’aia di un cascinale. Non si era rassegnato a vivere come un qualunque pollo. Aveva cominciato a dare strattoni su strattoni alla corda che lo teneva avvinto ad una robusta trave del pollaio. Fissava il cielo azzurro e partiva con tutte le sue forze. Inesorabile, la corda lo tirava a terra. Provò e riprovò per settimane, finché la pelle della zampa fu tutta lacerata e le belle ali rovinate.
Alla fine si era abituato. Dopo qualche mese trovava di suo gradimento anche il mangime dei polli. Si accontentò di razzolare.
Così non si accorse che le piogge autunnali e la neve dell’inverno avevano fatto marcire la corda che lo legava a terra.
Sarebbe bastato un ultimo modesto strattone e il falco sarebbe tornato in libertà, padrone del cielo.
Ma non lo diede più.
Il nostro corpo fatica anche solo a salire una rampa di scale. Ma la nostra anima ha le ali. E il cielo è nostro.
Il silenzio – seconda storia.
Un uomo si recò da un monaco di clausura. Gli chiese: “Che cosa impari mai dalla tua vita di silenzio?”.
Il monaco stava attingendo acqua da un pozzo, e disse al suo visitatore: “Guarda giù nel pozzo! Che cosa vedi?”.
L'uomo guardò nel pozzo: “Non vedo niente”.
Dopo un po’ di tempo, in cui rimase perfettamente immobile, il monaco disse al visitatore: “Guarda ora! Che cosa vedi nel pozzo?”.
L’ uomo ubbidì e rispose: “Ora vedo me stesso: mi specchio nell'acqua”.
Il monaco disse: “Vedi, quando io immergo il secchio, l’acqua è agitata. Ora invece l’acqua è tranquilla. È questa l’esperienza del silenzio: l’uomo vede se stesso!”.
Il profumo delle rose – terza storia.
Due monaci coltivavano rose. Il primo si perdeva nella contemplazione della bellezza e del profumo delle sue rose. Il secondo tagliava le rose più belle e le donava ai passanti. “Ma che fai?”, lo rimproverava il primo; “come puoi privarti così della gioia e del profumo delle tue rose?”. “Le rose lasciano molto profumo sulle mani di chi le regala!”, rispose pacatamente il secondo.
leggi tutto

QUARESIMA di Carità

QUARESIMA di Carità

Carissimi,
La Quaresima è un tempo di preghiera e di carità che ci impegna in un segno collettivo quale gesto di vicinanza e sensibilità verso i più bisognosi.
Con la Quaresima di Carità 2019 vi proponiamo di sostenere, nei limiti della vostra disponibilità la Caritas Ambrosiana nella consueta raccolta di generi alimentari e di prima necessità a favore delle molte famiglie bisognose che quotidianamente si rivolgono alla Caritas.

Vi chiediamo pertanto la raccolta di:
- pannolini per bambini nella 1 SETTIMANA;
- tonno, olio, pelati durante la 2 SETTIMANA;
- alimenti per l’infanzia (non omogeneizzati) nella 3 SETTIMANA;
- detersivi per bucato e per la casa nella 4 SETTIMANA;
- prodotti per l'igiene personale durante la 5 SETTIMANA;
- latte a lunga conservazione nella 6 SETTIMANA.

Inoltre ogni lunedì ci sarà un momento di preghiera nella nostra Cappella alle ore 8.30
leggi tutto

Incontro di formazione ANNULLATO

L'incontro di formazione previsto per questa sera, 1 Marzo 2019, con la dott.ssa Todaro è annullato a causa di una brutta influenza che ha colpito la dottoressa. leggi tutto

Incontro di formazione per i genitori

Incontro di formazione per i genitori

L'Istituto Santa Marta è lieto di invitarvi venerdì 1 Marzo 2019 alle ore 20.30 all'incontro di formazione "Capaci di leggere uno spartito di vita: regole per creare armonia e correggere i comportamenti stonati", rivolto ai genitori dell'Istituto Santa Marta e programmato nell'ambito delle attività del progetto "Genitori imperfetti ma efficaci”.
L'incontro è il recupero dell'appuntamento annullato il 30 Novembre 2018 per motivi personali della dott.ssa Todaro.
Per motivi organizzativi chiediamo di consegnare compilato il tagliando riportato in calce all'avviso allegato entro lunedì 25 febbraio 2019

(allegato)
leggi tutto

Le terze tra danza e arte

Le terze tra danza e arte

Venerdì 15 febbraio le classi terze dell’istituto sono partite per Milano per una giornata piena di arte. Durante la mattinata hanno assistito al teatro Carcano allo spettacolo “Play” dei Kataclò, gruppo di danza acrobatica presente quest’anno anche a Sanremo per una coreografia. Hanno presentato danzando e esibendosi in evoluzioni incredibili tantissimi sport dal tennis al calcio al nuoto alla box. Alcune scene erano davvero sorprendenti e spettacolari. Sulla base del rumore di una moto da cross una ballerina ha danzato muovendosi sopra uno pneumatico; un ring di cavi di luce luminosi mossi con arte da quattro artisti vestiti di nero ha assunto le più svariate forme: piccoli uomini che danzavano,un auto, una barca a vela. Il tutto ad una velocità incredibile. Il pubblico ha espresso entusiasmo applaudendo ripetutamente. Il pomeriggio è stato dedicato alla visita della mostra “Picasso. Metamorfosi” allestita presso Palazzo Reale. Accompagnati da una guida e aiutati da auricolari, i ragazzi di terza hanno ammirato una ventina di opere del famoso pittore. Non è stato facile, dichiarano, apprezzare la mostra, molto impegnativa. I quadri non erano tra i più famosi e neanche riconoscibili.
Bella anzi bellissima la compagnia che ha permesso di trascorrere piacevolmente ogni minuto libero.
guarda il video
leggi tutto

Uscita di Istruzione al Planetario e alla Sinagoga

Uscita di Istruzione al Planetario e alla Sinagoga

Chi l’avrebbe mai detto che in un giorno soleggiato d’inverno, in pieno centro, avremmo visto così tante stelle cadenti? Eppure, ne abbiamo avvistate fino a 200! L’atmosfera che si respira al Planetario di Milano è magica, quasi irreale...in un attimo cala il sole, si spengono le luci della città e i pianeti, le stelle, tutti i corpi celesti sembrano a portata di mano. L'infinito non è mai stato così vicino e ci ha lasciati imbarazzati di fronte allo splendore ed emozionati all'idea di far parte di un disegno tanto grandioso!
E poi, abbiamo aggiunto un pezzettino al mosaico della nostra conoscenza e della nostra curiosità, oltre che al nostro senso di solidarietà e di condivisione, visitando la Sinagoga di via Guastalla, la più importante di Milano e centro dell’ebraismo meneghino. Elegante e imponente, ruba lo sguardo ai passanti. Nonostante soltanto la facciata sia “sopravvissuta” ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, anche all'interno, completamente ricostruito, si percepisce appieno questo desiderio di “sopravvivenza”. Le parole della nostra guida Ester, molto attenta e precisa nel raccontare della sua fede e appassionata nel rispondere a tutte le nostre domande, tradiscono quanta fatica e sofferenza abbia dovuto sopportare questo popolo, ma anche la fierezza e l'orgoglio nel precisare che la loro sia la religione monoteista più antica e duratura della storia dell'uomo. A sorpresa abbiamo avuto il piacere di sentire la testimonianza del signor Guido Hassan, sopravvissuto alle persecuzioni e scappato con la sua famiglia in Svizzera. Quei campanelli che tintinnavano sulla rete, la difficoltà ad essere accettati e accolti oltre il confine italiano, il racconto di come i suoi familiari siano stati deportati e non siano sopravvissuti per raccontare...ci hanno fatto riflettere molto sull’antisemitismo e sul razzismo in generale. Da poco, in classe abbiamo terminato la lettura del libro “in Svizzera la cioccolata è più buona”, una storia di amicizia nell’Italia della Shoah. Beh, come il protagonista del racconto, nonostante ci siano state date alcune spiegazioni e molti "perché" ancora ci sfuggano, una cosa ci è ben chiara: noi quel confine, quello tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, vogliamo sempre averlo ben chiaro!
leggi tutto